Ultimissime! Italia torna la pena di morte!

Ultimissime dall’Italia torna la pena di morte!

E’ arrivato un rivoluzionario disegno di legge che prevede la reintroduzione della pena di morte in Italia. Il decreto fa parte del piano “Difendi l’innocente” una nuova iniziativa del partito 5 stelle con il quale si cerca di contrastare la criminalità che dilaga nel nostro paese.

“Un provvedimento necessario e soprattuto doveroso nei confronti delle famiglie delle vittime che molto spesso non ottengono giustizia.” così commenta la legge il deputato Marco R., professore di diritto penale, nazionale e internazionale all’università. “Io e i miei colleghi siamo soddisfatti dei risultati raggiunti. Oggi è un grande giorno per la giurisprudenza italiana. Finalmente è stato compiuto un passo verso la giustizia. Il provvedimento si è reso necessario dal numero crescente di crimini che vengono commessi e servirà non solo come deterrente ma anche per risolvere il problema del sovraffollamento delle carceri.”

In molti sono a favore di questo provvedimento che a quanto sembra era molto atteso dai cittadini italiani. “Io ho paura di uscire da casa” racconta Maria Rita L. “Adesso con questa legge quei farabutti ci penseranno due volte prima di fare qualcosa di sbagliato.”

Così ci spiega il Premier “Con questa legge finalmente l’Italia si è adeguata agli standard europei. Anche la Francia e la Germania hanno adottato le stesse misure e si è potuto osservare un calo della criminalità del 35% soltanto nei primi due mesi dall’entrata in vigore della legge.”

La legge entrerà in vigore a partire dal primo gennaio 2018 e i reati che meriteranno la pena di morte saranno: omicidio, stupro, tortura, violenza domestica sulle donne, pedofilia e omicidio stradale. La morte sarà inferta per iniezione letale il cui grado di dolore dipenderà del reato commesso. 

Numero i commenti positivi che giungono da tutta l’Unione Europea e non solo. Anche Putin si è complimentato con il Premier per questa coraggiosa ma giusta decisone.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *