Papa Francesco come non lo avete mai visto! “Pentitevi la fine è vicina!”

Papa Francesco sta facendo molto discutere con il suo ultimo discorso, durante un’intervista a Medellin, nella sua visita apostolica in Colombia.

Le sue parole stanno facendo il giro del mondo e i social network stanno letteralmente impazzendo.

Tra gli argomenti trattati non poteva mancare un pensiero e una preghiera alla vittime delle recenti catastrofi che stanno coinvolgendo gli Stati Uniti con l’uragano Irma e il Messico e la Guatemala, che sono stati colpiti da un terremoto di potenza inaudita, 8.2 della scala richter.

Dopo aver pregato per le vittime, Papa Francesco ha esordito dicendo: “La fine è vicina! Questo è soltanto l’inizio delle numerose piaghe che colpiranno il pianeta. L’apocalisse sta iniziando! Ma è nella notte più buia che non dobbiamo perdere la speranza e continuare a pregare nella misericordia di Dio. Perché nonostante ci siamo allontanati da lui e in questo momento sia adirato con noi non dobbiamo mai dimenticare che Dio è misericordioso e perdona sempre coloro che sono veramente pentiti. Purtroppo oggi viviamo in una società governata dal peccato e dall’egoismo e ci siamo dimenticati di Dio. Ma lui nella sua grandissima potenza non si dimentica mai di noi. E’ colpa nostra se accadono tutte queste disgrazie agli innocenti. E’ colpa dei peccatori che hanno dimenticato Dio e non credono più in lui.
Pentitevi! Convertitevi! Pregate!  O saremo condannati tutti all’inferno e bruceremo fra le fiamme di Satana! Abbandonate la via del peccato e tornate nella luce di Dio!”

Questo discorso ha suscitato numerose polemiche, toccando l’animo dei fedeli, degli atei e di tutti coloro che seguono con attenzione il nostro amato Papa. Certo sono parole forti e dure ma che rispecchiano la natura della nostra società e che non sono molto lontano dalla verità. Nessuno è esente dal peccato e nessuno è perfetto ma ciò non toglie che possiamo sempre migliorare. E dobbiamo migliorare perchè se Papa Francesco avesse ragione saremmo tutti spacciati.

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *